Browsing All posts tagged under »marco fava«

Poesia – Notte e Buio

dicembre 26, 2011

1

  Notte e buio Ad illuminare un nero che assorbe ogni cosa Anche me Vuoto i pensieri In questo nulla E trovo luce dove non c’è Scintilla dove tutto è spento Pesce degli abissi Vivo nel silenzio E illumino solo Questo metro di terra Aspetto il sole Con l’amarezza di un vampiro Sapendo che il […]

Poesia – Ricordi sul futuro

dicembre 22, 2011

1

Ecco che piano piano riaffiora, il perenne scorrere dei ricordi, sepolti sotto montagne di neve, ma pur sempre, ancora, vivi. In attesa del solito e mai in orario sole che sciolga ogni dubbio su cio’ che ormai è passato e cio’ che e’ o sara’ il futuro.

Poesia – Il Fantasma della Tristezza

dicembre 17, 2011

1

E’ un assurdo peso che ti porti sempre appresso, senza sapere bene da dove sia arrivato o se andra’ mai via. Sembra entrare nei polmoni per non uscirne piu’. Tanto che e’ diventato persino difficile continuare a respirare. Lo si percepisce negli occhi della gente mentre passeggi al mattino. O distrattamente la sera, nelle macchine […]

Poesia – Cinque Minuti

dicembre 12, 2011

4

Più o meno cinque minuti il tempo di una sigaretta una decina di boccate a seconda dei casi qualche centinaio di battiti di cuore e una valanga di pensieri che vagano. Dentro. Mentre fuori quei cinque minuti sono milioni di api che impollinano migliaia di persone che muoiono e altre che volenti o meno nascono […]

Poesia – Riflessi Imperfetti

dicembre 11, 2011

2

Fermo nel riflesso di una bolla pronta a scoppiare. Forse altre mille volte la vedo non appena alzo gli occhi. E svanisce ogni volta che non guardo. Esiste lo stesso il mondo mentre sbattiamo gli occhi? Sono al quarantesimo giro di questa corsa e sono piazzato male troppo spesso mi perdo a guardare il cielo […]

Storie di…

dicembre 4, 2011

0

Se avete riconosciuto la citazione in alto, avete anche in mano parte di come sono io. Il vecchio Hank aveva le corse dei cavalli, io ho il tavolo verde. Lui diceva di vincere, io non sono così bugiardo. Ma la cosa che più ci accomuna è il desiderio di scrivere, di vomitare sul foglio bianco […]